VALORIZZAZIONE DELLA NATURA E DELL'AMBIENTE

ISEA ONLUS ... VOLONTARI PER PASSIONE

Attività culturali

Mascherine di comunità di stoffa o monouso: finalmente le istruzioni Iss

È la qualità del capitale umano il fattore decisivo per lo sviluppo sostenibile

L’Italia è terz’ultima tra i paesi Ocse per livelli di spesa in formazione in rapporto al Pil: abbiamo un sistema formativo arretrato nei contenuti e nelle modalità di acquisizione delle competenze

di  Carlo Carraro

Fonte: greenreport

 

Rispetto ai principali paesi Ocse, l’Italia manifesta un evidente ritardo in termini di crescita economica ed occupazionale, nello sviluppo tecnologico e nella qualità dei sistemi formativi, soprattutto nelle regioni del Sud. Queste sono anche le regioni in cui la dimensione ambientale si è più deteriorata e il cambiamento climatico avrà i suoi impatti maggiori. La stima di circa 6 miliardi di danni nel 2017 da eventi legati al cambiamento climatico in Italia riguarda in proporzione al Pil regionale soprattutto le regioni meridionali.

Le domande da porsi sono quindi le seguenti:

  • Come indurre maggiore innovazione e quindi maggiore competitività e crescita in tutto il Paese e soprattutto nel Meridione?
  • Quali sono i fattori abilitanti di un processo di crescita più rapido e duraturo nel tempo? Ovvero, una crescita resiliente rispetto ai grandi cambiamenti, non solo climatici, che stanno arrivando?
  • E, allo stesso tempo, come fare a ridurre le conseguenze negative della crescita, sia dal punto di vista sociale (distribuzione del reddito, inclusione, integrazione…) sia da quello ambientale (conservazione delle risorse naturali e cambiamento climatico)?

Proroga adempimenti annuali e biennali per le Organizzazioni di volontariato, le Associazioni di promozione sociale e le Cooperative sociali

 

La Direzione generale per le politiche sociali e socio sanitarie della Regione Campania, visto il terzo comma dell’articolo 35 del Decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 recante “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”, comunica che le Organizzazioni di volontariato, le Associazioni di promozione sociale e le Cooperative sociali, iscritte nei rispettivi registri e albo regionali, possono presentare la documentazione relativa agli adempimenti annuali o biennali entro il 30 novembre 2020, salvo eventuali ulteriori proroghe.

L’invio della documentazione dovrà essere effettuato esclusivamente a mezzo mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Terzo settore alla sfida della trasparenza: ecco i modelli di rendicontazione

Pubblicato il decreto: per la prima volta gli Ets avranno schemi unificati così come le società e le altre organizzazioni non profit. Fondamentale il ruolo dei centri di servizio per il volontariato che dovranno accompagnare gli enti nell’adozione degli schemi  

di Davide Alessandrelli

Fonte: cvsnet.it

Per la prima volta, il terzo settore italiano avrà un modello unificato di rendicontazione. Così come per le società e gli altri soggetti non profit, infatti, anche gli enti del terzo settore (Ets) avranno l’obbligo di redigere il proprio bilancio consuntivo utilizzando schemi uniformi a partire dall’esercizio 2021. Gli schemi sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale lo scorso 18 aprile con un provvedimento emanato ai sensi dell’art. 13 del codice del terzo settore, che pone le basi per una maggiore uniformità delle modalità  di rendicontazione delle risorse economiche e finanziare che a vario titolo pervengono agli enti di terzo settore. Questo permette sia una comprensione più immediata ed oggettiva dei dati di bilancio, sia - in prospettiva - una loro compiuta comparabilità nel tempo e nello spazio.

La tutela dell’ambiente urbano e la sussidiarietà orizzontale

Quando un servizio offerto da un operatore privato “a tutela dell’ambiente urbano” può considerarsi una forma di sussidiarietà orizzontale?

Tutela ambiente urbano

La sentenza n. 5730 del 2019 del TAR Lazio- Roma, sez. II-ter, chiarisce quali sono i poteri riconosciuti alle amministrazioni locali per tutelare l’ambiente urbano. Ma la sentenza offre anche spunti per ragionare su quali sono le condizioni per considerare un’azione del privato quale ipotesi di sussidiarietà orizzontale.

I motivi della controversia

Con la sentenza n. 5730 del 2019, il TAR Lazio- Romasez. II-ter, è stato chiamato a dirimere una complessa controversia, riguardante la legittimità del regolamento “per l’esercizio delle attività commerciali ed artigianali nel territorio della Città storica”, nonché degli atti ad esso connessi, adottati dall’amministrazione capitolina, con i quali venivano ad essere interdette, ovvero limitate, alcune tipologie di attività, in particolare, quelle che prevedevano il servizio del consumo “sul posto”. Ad impugnare tali atti, poiché ritenuti in contrasto con la disciplina, nazionale ed europea, in materia di concorrenza, libertà di stabilimento e libera prestazione dei servizi, è stato il titolare di un esercizio commerciale, abilitato a svolgere attività di laboratorio artigianale alimentare e vendita dei prodotti, ma che aveva destinato, senza alcun titolo, anche un’area al consumo sul posto.

Come indossare la mascherina di tipo chirurgico

La pandemia di coronavirus COVID-19 sta modificando la vita della popolazione del nostro mondo.

Si rende necessario indossare mascherine di tipo chirurgico.

Ecco le istruzioni da seguire per indossare/rimuovere la mascherina:

  • Prima di indossare la mascherina, lava accuratamente le mani con acqua e sapone o con una soluzione alcolica
  • Indossa la maschera facciale avendo cura che aderisca bene al volto coprendo bocca e naso
  • Allaccia la mascherina dietro le orecchie/testa con gli appositi lacci stringendoli se necessario
  • Evita di toccare la mascherina mentre la indossi, se la tocchi, lava le mani
  • Prima di rimuovere la mascherina lava accuratamente le mani
  • Rimuovi la mascherina con cautela prendendola dai lacci o dalla parte interna senza toccare la parte anteriore e gettala immediatamente in un sacchetto chiuso
  • Smaltisci il sacchetto chiuso nella raccolta indifferenziata
  • Lava accuratamente le mani

Di seguito il dettaglio delle azioni suggerite.

La quercia sacra di Demetra, l’ingordigia senza fine e la punzione di Erisittone

La quercia sacra di Demetra, l’ingordigia senza fine e la punzione di Erisittone

di Etain Addey - 28/03/2020 

Quel che disse Demetra

Seguo la traccia indicata dalla quercia che mi fece vivere così drammaticamente il terremoto dei Monti Sibillini nel 2016.

Il 19 luglio 2019, Atene fu scossa da un terremoto che fece scappare in strada tutti i suoi cittadini. L’epicentro però era a Eleusis, l’antico luogo dei Misteri di Demetra e Persefone. Così, dopo tanti secoli, una folla di persone ripercorse in preda al panico la strada del luogo sacro alla Dea.

I Misteri eleusiani furono celebrati per quasi duemila anni e finirono solo con la chiusura del santuario nel 392 dC imposta dall’Imperatore romano Teodosio. La comprensione profonda delle cerimonie segrete non sorgevano da una teologia esplicita ma dalle azioni sacri compiuti dai singoli partecipanti, era quindi un iniziazione esperienziale. Il segreto del contenuto dei Misteri non fu mai tradito nei secoli ma si crede che fosse vissuta dai partecipanti la discesa dell’anima negli inferi come immagine della discesa dell’anima nel corpo che, come racconta Platone nel mito di Er nel decimo libro della Repubblica, viene accompagnata dai tuoni e dal terremoto.  Studi comparati dimostrano paralleli con il culto di Iside e Osirio e altri culti mediorientali.

Natura e sostenibilità: l'antidoto WWF alla reclusione forzata

L'emergenza Coronavirus obbliga ciascuno di noi a restare a casa.

Per superare insieme questo momento difficile abbiamo raccolto consigli e approfondimenti su natura e sostenibilità. 

Uno sguardo diverso sul mondo che ci circonda per combattere la noia da reclusione forzata. 

 

Rapporto Labsus 2019. Dietro i numeri, storie di energie liberate

La fotografia scattata al 30 giugno 2019 ha restituito l’immagine di un’Italia dagli oltre 1000 patti tangibili e da altre innumerevoli esperienze che, seppur non ufficialmente reperibili, si attivano silentemente sul territorio nazionale

 

Solo 5 anni fa l’Italia dei Patti era poco più che un’aspirazione. Non esisteva, né si conosceva; eppure c’era un posto in cui era stata già vista. Nella mente dei suoi ideatori l’Italia dei Patti è sempre stata possibile perché, prima ancora che si avverasse, in quel sogno si era creduto.
Oggi, che da nord a sud c’è un Paese che stipula patti di collaborazione, quello che si ha di fronte non è un evento di carattere estemporaneo, né più oramai una pratica in stato emergente.
La sistematicità e la ripetibilità dei casi in cui società civile e istituzioni scelgono di collaborare secondo il modello dell’amministrazione condivisa descrivono un fenomeno sempre più stabilmente innestato nelle maglie del tessuto sociale e per questo significativamente rappresentativo di un cambiamento storico degno di essere scientificamente osservato.
Labsus, in qualità di genitore e madre del progetto, ne segue la genesi e l’evoluzione, monitorando i suoi effetti e il relativo impatto sulla società civile e istituzionale.

Cervello, le cellule della microglia aiutano a dimenticare

microglia
(Credits immagine: Alexas_Fotos da Pixabay)

Si pensava fossero implicate solo nella difesa immunitaria del sistema nervoso centrale come “spazzine cellulari” e nell’organizzazione delle reti neurali durante il primo sviluppo del cervello. E invece un gruppo di studiosi dell’ University School of Medicine di Hangzhou in Cina ha scoperto che le cellule della microglia (che fanno parte del sistema nervoso ma non sono neuroni) sono coinvolte anche nei meccanismi della dimenticanza, ovvero nella perdita del ricordo. In particolare, raccontano i ricercatori guidati da Chao Wang, queste cellule aiuterebbero a dimenticare perché d’intralcio all’attività sinaptica dell’engramma, l’insieme dei neuroni legati da sinapsi cui si deve la codifica biologica della memoria. Lo studio è stato pubblicato su Science.

SALVIAMO LA TERRA - PIANTIAMO UN ALBERO

SALVIAMO LA TERRA - PIANTIAMO UN ALBERO

Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Il secondo momento migliore è adesso. (Confucio)

Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa.  Il secondo momento migliore è adesso. (Confucio)

BATTIPAGLIA DICE NO

BATTIPAGLIA DICE NO

SODALIS CSV SALERNO

SODALIS CSV SALERNO

CSV NET

CSV NET

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER

SEGUICI SU TWITTER

SEGUICI SU YOUTUBE

SEGUICI SU YOUTUBE
isea-onlus.png
089---spot.png
091---5x1000-2020.png
isea-onlus---contatti.png
002-logo-png.png

ISEA Onlus - Come passi il tuo tempo

o.png
isea-onlus---note-legali.png
isea-onlus---privacy-policy.png
062---faq.png