Quaderno ISEA ONLUS - Manuale compostaggio domestico

In natura la sostanza organica prodotta e non più utile alla vita (foglie secche,  feci,  spoglie  di  animali  e  così  via)  viene  decomposta  da microrganismi  e insetti  presenti  nel terreno  e nella  materia  organica stessa fino ad ottenere acqua, anidride carbonica, sali minerali e humus. Con  il  compostaggio   si  riproduce   questo  processo  in  modo  più controllato e controllabile e soprattutto con tempi notevolmente ridotti. Per capire meglio possiamo affermare che i nostri antenati hanno da sempre cercato di imitare la natura e alcuni contadini valdostani ancora lo fanno.  Essi mescolano  materiale  umido  e ricco di azoto, come le deiezioni  animali  o alcuni scarti di cucina  e dell’orto,  con materiale asciutto e ricco di carbonio,  come la paglia, e utilizzano il prodotto, ottenuto  dopo  un  lungo  periodo  di  maturazione,  come  concime  nei campi e negli orti.

 

 


Stampa   Email