Bando per interventi di riduzione e prevenzione rifiuti

Categoria principale: Bandi e finanziamenti per l'ambiente Categoria: Bandi e finanziamenti per l'ambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha indetto un Bando di avvio di procedura a evidenza pubblica per la selezione di progetti o programmi di riduzione dei rifiuti, già finanziati in parte dall’UE, cui attribuire contributi economici attinti dall’apposito Fondo istituito con il DM del 12 agosto 2013 e definito per le modalità di utilizzo dal DM dell’11 novembre 2014.
Scadenza delle domande 26 febbraio 2015.

waste rifiuti

Sulla G.U. n. 21 del 27 gennaio 2015 è stato pubblicato l’avviso del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare “relativo al Bando Pubblico per l’attribuzione di contributi economici a soggetti pubblici e privati per azioni aggiuntive e funzionali a progetti e programmi in materia di riduzione e prevenzione della produzione di rifiuti, già finanziati in quota parte dall’Unione Europea”.

Bando, indetto con DM n. 265 dell’11 novembre 2014 che definisce per l’anno 2014 le modalità di utilizzo delle risorse del “Fondo per la promozione di interventi di riduzione e prevenzione della produzione di rifiuti e per lo sviluppo di nuove tecnologie di riciclaggio”, avvia una procedura ad evidenza pubblica per la selezione dei relativi progetti, per i quali sono disponibili risorse finanziarie pari a 513.475,22 euro.

Sono ammessi a partecipare alla procedura i soggetti pubblici e privati (senza scopo di lucro) che hanno in essere progetti o programmi, già finanziati in quota parte dall’Unione europea, in materia di riduzione e prevenzione della produzione di rifiuti, con priorità alle azioni di innovazione e di informazione, sensibilizzazione e comunicazione, come proposto dall’Allegato IV della Direttiva Comunitaria n. 2008/98/CE, e dall’Allegato L del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, di recepimento nella legislazione italiana della Direttiva.
Ciascun soggetto può presentare una sola richiesta di contributo per azioni aggiuntive e funzionali ai progetti e programmi già finanziati in quota parte dall’Unione Europea.

Le richieste di contributo vanno redatte utilizzando l’apposito modulo scaricabile dal sito del Ministero, sezione Bandi, e devono essere inviate entro 30 giorni dalla data di pubblicazione dell’avviso sulla GU.

Una Commissione, nominata dal Direttore della Direzione Generale per la Tutela del Territorio e delle Risorse Idriche, valuterà le domande pervenute in base a specifici criteri e formulerà la relativa graduatoria che sarà pubblicata sul sito del Ministero.

I progetti che si collocheranno ai primi posti della graduatoria potranno ricevere contributi, per un importo massimo di 171.158 euro, fino all’esaurimento dei fondi stanziati.

Visite: 610

Il mondo ha bisogno di alberi: niente alberi, niente futuro

"Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy"