Carta dei principi ambientali

Categoria principale: Attività/Progetti Categoria: Attività/Progetti

CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE SU TEMATICHE AMBIENTALI

Abbiamo presentato in data 23 luglio 2018 al Comune di Pontecagnano Faiano l’istanza 

Carta dei Principi Ambientali

Elaborata da ISEA ONLUS e proposta all'attenzione dell’Amministrazione del Comune di Pontecagnano Faiano (SA)

Pontecagnano Faiano, 23 luglio 2018

Al Sindaco 

per conoscenza 

Al Presidente del Consiglio Comunale

All’Assessore alla “Bellezza”

con delega alle Politiche Ambientali

Al Segretario Comunale 

CARTA DEI PRINCIPI AMBIENTALI

Egregio Sindaco,

oggi a Pontecagnano Faiano si sente forte il bisogno di un buon governo e di buone pratiche condivise, oltre che di ritrovare un generale clima di fiducia. Si rende necessario invitare tutti i cittadini a fare la propria parte, rispettando semplici regole di buona condotta, e intanto ricercare correttivi e miglioramenti alla politica sinora adottata.

Ogni atto che si compie si ripercuote sull'ambiente in cui viviamo, ed è pura saggezza applicata alla vita quotidiana far precedere le scelte importanti da una valutazione d'impatto ambientale e da un consapevole e responsabile coinvolgimento dell'opinione pubblica.

I cittadini hanno il diritto di essere informati e coinvolti nelle decisioni in materia ambientale: la sostenibilità ambientale è possibile solo per le città informate.

Nei prossimi anni al centro delle politiche ambientali rimarranno gli obiettivi di riduzione dell’inquinamento, delle emissioni di CO2 e dei rifiuti. 

Le città dovranno necessariamente assumere il compito di guidare una vera e propria rivoluzione, che vedrà impegnati i singoli nell’adottare pratiche green tutti i giorni. 

Si renderà indispensabile l’uso della bicicletta al posto della macchina, riciclare sempre di più i rifiuti per ridurre drasticamente la complessiva richiesta energetica della città, avere energia rinnovabile e non più da fonti fossili; potremmo proseguire, elencando moltissime pratiche green che oggi potrebbero apparire utopistiche, ma che domani saranno realtà.

In questa occasione, ISEA Onlus - attiva in comunità dal gennaio 2007 - intende sollecitare la presente Amministrazione ad adottare una “Carta dei Principi Ambientali” che nasce dall’esigenza di radicare nella cultura della nostra comunità la consapevolezza che l’ambiente è un bene fondamentale che va assolutamente tutelato.

Auguri di buon lavoro. 

Il Presidente 

Antonio De Rosa

 

Carta dei Principi Ambientali

Elaborata da ISEA ONLUS e proposta all'attenzione

 dell’Amministrazione del Comune di Pontecagnano Faiano (SA) 

L'attuale società civile è sempre più attenta all'ambiente: ha compreso che le ripercussioni dell'incuria, del degrado e dell'inquinamento ambientale influiscono negativamente e gravemente sulla salute umana e sulla qualità della vita. 

E ha compreso che è seriamente a rischio la vita delle future generazioni. 

La classe politica deve prenderne atto e assumersi precise responsabilità considerando che l’'opinione pubblica valuterà l’attività amministrativa nella sua valenza ambientale. 

Le richieste provenienti dalla società civile particolarmente sensibile alle problematiche ambientali non possono più essere accolte con distacco o sussiego a livello istituzionale, come fossero marginali, da accontentare con qualche gentile concessione, per lo più occasionale e slegata da programmi organici e situazioni di più ampio respiro: occorre compiere un miglioramento nel concepimento della vita politica e della gestione della cosa pubblica partendo dal presupposto che le esigenze dell'ambiente deve avere sempre la priorità.
Ogni atto che si compie si ripercuote sull'ambiente in cui viviamo, ed è pura saggezza applicata alla vita quotidiana far precedere le scelte importanti da una valutazione d'impatto ambientale e da un consapevole e responsabile coinvolgimento dell'opinione pubblica.
I cittadini hanno il diritto di essere informati e coinvolti nelle decisioni in materia ambientale.  

  • Monitorare costantemente l'ambiente in tutte le sue componenti (aria, acqua, suolo) e presidiarlo avvalendosi anche della collaborazione del volontariato qualificato
  • Organizzare un coordinamento istituzionale per garantire la massima vigilanza ambientale a scopo di deterrenza e repressione degli illeciti
  • Favorire il diritto all'informazione ambientale della popolazione, rendendo pubblici i dati in possesso agli enti preposti alla vigilanza e promuovendo la cultura della prevenzione
  • Incrementare la raccolta differenziata dei rifiuti e il loro recupero
  • Favorire il riuso con politiche di vantaggio per chi lo favorisce
  • Mappare i siti inquinati e programmare, completare ed eseguire la loro bonifica
  • Intervenire per ridurre il traffico veicolare in città e l'inquinamento acustico
  • Ampliare lo spazio dedicato al verde pubblico e la qualità della sua gestione e fruizione
  • Porre attenzione ai problemi degli animali che vivono nell'ambiente urbano
  • Attuare politiche in campo energetico tese al risparmio e all'uso di energie rinnovabili
  • Concepire la priorità delle esigenze dell'ambiente fin dall'impostazione del bilancio preventivo inserendo anche specifiche voci d'investimento ambientale
  • Fornire maggior peso politico e dotazione finanziaria e strumentale all'Assessorato all'Ambiente, che non può più essere considerato marginale

 

Visite: 75

Il mondo ha bisogno di alberi: niente alberi, niente futuro

"Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy"