Gioca con gli amici e non con le macchine

Categoria principale: Attività/Progetti Categoria: Attività/Progetti

PERCORSO DI CITTADINANZA PARTECIPATA

“ LEGALITA’ E’ CONTRASTO AL GIOCO D’AZZARDO “

In data 8/1/2014 ISEA Onlus ha inteso sensibilizzare la cittadinanza sui temi della legalità e del contrasto del fenomeno del GAP (Gioco d’Azzardo Patologico) realizzando e pubblicando, sul proprio sito internet, il lavoro “Azzardo patologico: conoscere per prevenire”. ISEA Onlus ha altresì realizzato il percorso di cittadinanza partecipata dal titolo

 PER NON STARE A GUARDARE: IO DICO NO ALLE SLOT MACHINE

mediante l’invito ai cittadini di Pontecagnano Faiano a prendere posizione, trasformando in proposta, il disagio di tutti dinanzi a un fenomeno che ha assunto proporzioni inaudite, sottoscrivendo una petizione on line sul sito internet dell’Associazione  www.iseaonlus.it

 LA PETIZIONE

In una società sempre più segnata da precarietà e incertezze, il gioco d’azzardo di massa rappresenta un moltiplicatore dello stato di crisi e, al tempo stesso, trasforma un problema sociale e economico in un dilemma dal quale difficilmente si può uscire senza assumere una posizione chiara e decisa.

Anche nella nostra comunità il fenomeno del gioco sta creando giocatori “patologici”.

E’ indispensabile una mobilitazione, che abbia prima di tutto la forma di una presa di coscienza e che sensibilizzi le associazioni e istituzioni della nostra comunità rispetto a un fenomeno drammaticamente in crescita.

Famiglie, associazioni, amministratori locali, insegnanti e studenti: tutti sono chiamati ad aderire e a inviarci proposte. A noi, ora, sembra quanto mai urgente e necessario cominciare a far rete. Per dare una risposta chiara e precisa: basta con la (dis)economia dell’azzardo!

 

I periodi di crisi accrescono le disuguaglianze economiche e sociali. Meno welfare e l’inasprirsi delle situazioni di bisogno spingono le persone al ricorso alla fortuna, forse l’unica, ma illusoria, opportunità per “aggiustare le cose”.

Oramai sono tantissimi i giocatori che rientrano nella categoria dei giocatori affetti da disturbi comportamentali compulsivi. Ma il problema non è riducibile alla patologia del problema. Il problema è a monte, nelle scelte e pertanto è etico, politico, economico e al tempo stesso civile.

Il gioco d’azzardo di massa, forse, trasferisce ricchezza, ma non ne produce. Non solo, la pervasività dei nuovi giochi a moneta rischia di compromettere destinazione e natura di luoghi da sempre ritenuti primariamente d’incontro, anziché di consumo (pensiamo ai bar, ma anche alle sale d’attesa).

In contesti perduranti di crisi e oltre limiti di fruizione e accesso che nel corso degli anni si sono sempre più assottigliati, questo gioco produce quindi non solo disvalori e dipendenze, ma vere e proprie diseconomie. Non solo le famiglie, ma anche le città, i paesi, i luoghi si impoveriscono sempre più, negando spazio, centralità e tempo alla persona.

Il gioco ha una sua funzione-speranza, che se spinta come oggi all’eccesso – un eccesso di sistema, non solo individuale è bene ribadirlo – mina l’etica del lavoro e della condivisione, a tutto vantaggio di un’etica dell’affidamento. Si confida nel caso, di confida nella sorte, si perde fiducia negli altri e le comunità di disgregano secondo un processo tanto drammatico, quando logico e inevitabile se non si pone rimedio. Auspichiamo quindi, prima di ogni proposta nel merito, una presa di coscienza del problema, da parte dei cittadini, delle associazioni, dei corpi intermedi e non da ultimo delle autorità che vivono, lavorano e operano sui territori.

Vogliamo rivolgerci a loro, a voi, affinché il disagio nostro e vostro si faccia proposta aggregandosi senza pregiudiziali ideologiche o di parte attorno e a partire dai seguenti punti:

TUTELA- Impegno a tutelare la libera crescita dei nostri ragazzi, affinché il gioco sia nient’altro che gioco e forme anche indirette di “azzardo” non si introducano surrettiziamente nei luoghi – es. ludoteche, centri di aggregazione – del loro divertimento e della loro formazione.

SOSTEGNO - Impegno a sostenere i commercianti e i titolari d’impresa – ad es. bar, edicole, benzinai e negozi alimentari – che non intendono trasformare la ragione sociale del loro lavoro in funzione subordinata rispetto al guadagno derivante dal gioco d’azzardo. Proporre sul piano locale un pacchetto di agevolazioni per gli esercizi “virtuosi”.

PROPOSTE CONCRETE - Impegno ad avanzare sui territori proposte concrete per contenere, limitare e arginare il “consumo di suolo” da parte di “sale giochi”, soprattutto in prossimità di luoghi sensibili (ad esempio scuole). Fare rete e favorire a tal fine il dibattito, il confronto e l’incontro, organizzando momenti di riflessione e approfondimento. Fare pressione le autorità locali prendano coscienza del problema e, con l’appoggio e la spinta di cittadini e associazioni, pongano in essere quanto di loro competenza per limitare il fenomeno.

Oramai stiamo perdendo davvero tutto: attività che chiudono giorno dopo giorno per lasciare spazio a luoghi di illusione, di pegno o di compro oro che rilasciano in cambio contante.

E l'aspetto peggiore è proprio il diffondersi della consapevolezza che tutto ciò sia naturale nel frattempo che l'Italia continua ad impoverirsi.

 

La proposta ISEA Onlus è stata ignorata dalla locale Amministrazione e dalla stragrande maggioranza delle forze politiche di Pontecagnano Faiano.

La petizione è stata appoggiata dal M5S di Pontecagnano che, con lo slogan ”Gioca con gli amici e non con le macchine” ha inteso dare forza all’iniziativa ISEA Onlus e ha organizzato banchetti per la raccolta delle firme di adesione dei cittadini.

Complessivamente la petizione online è stata sottoscritta da 83 cittadini.

Altri 188 cittadini hanno sottoscritto la petizione per il tramite del M5S.

Per il 25 aprile 2015 è previsto un incontro informativo/divulgativo rivolto alla cittadinanza di Pontecagnano Faiano sul tema della ludopatia e sulla necessità di limitare il gioco d’azzardo.

 

PERCORSO DI CITTADINANZA PARTECIPATA

“ LEGALITA’ E’ CONTRASTO AL GIOCO D’AZZARDO “

 

 

Visite: 533

Il mondo ha bisogno di alberi: niente alberi, niente futuro

"Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy"