Expo 2015, raccolta differenziata e stoviglie compostabili. Le osservazioni del 3 maggio

Categoria principale: Temi Categoria: Rifiuti
Immagine: Expo 2015, raccolta differenziata e stoviglie compostabili. Le osservazioni del 3 maggio

La raccolta differenziata nei cestini dedicati ai visitatori e la diffusione delle stoviglie delle aree ristoro presentano alcuni problemi. Una migliore informazione potrebbe risolverne alcuni.

di Angela Conversano
Domenica 3 maggio è stata l'occasione per un'altra visita ad Expo 2015, dopo la prima del giorno inaugurale. L'attenzione è rivolta sempre alla gestione dei rifiuti all'interno dell'esposizione universale, con un occhio particolare a due aspetti: il primo riguarda il conferimento dei rifiuti da parte dei visitatori, alla luce dell'allestimento per la raccolta differenziata predisposto da Amsa; il secondo riguarda invece come i ristoratori abbiano accolto la proposta contenuta nell'allegato Food & Beverage guide – Expo 2015, di prediligere stoviglie riutilizzabili o, se usa e getta,  che siano cioè biodegrabili e compostabili (secondo la norma europea 13432).

Per ciò che riguarda la raccolta differenziata, l'impressione iniziale, confermata poi nel corso della giornata, è che qualcosa non funzioni come dovrebbe. Già dalle prime ore del mattino molti cestini per la raccolta della carta, dell'organico, della plastica e dei metalli – tra questi manca il vetro - contengono materiali sbagliati: ad esempio nell'organico si trova parecchia plastica, mentre tra la carta normale si trova molta carta compostabile. Percorrendo il decumano e passando in rassegna diversi padiglioni, dall'ingresso fino alla fine, la scena non cambia.

Sicuramente tra i visitatori c'è un po' di confusione e poca conoscenza dei materiali, ma anche scarsa attenzione. Gli imballaggi in carta e plastica compostabili, per quanto simili a quelli “tradizionali”, recano tutti delle scritte ben evidenti circa la loro compostabilità. Il posto giusto dove conferirli è quindi il cestino dell'organico. Va anche detto, però, che i cestini sono collocati secondo ordini differenti a seconda dei padiglioni e delle zone: se in alcuni l'ordine è “Carta-Organico-Plastica”, in altri è “Organico-Carta-Plastica”. Questa cosa può trarre in inganno qualcuno.

Alla luce di tutto questo, è chiaro che una migliore e più diffusa comunicazione sul corretto conferimento dei rifiuti da parte di visitatori è più che auspicabile. Ne va dell'effettiva eco sostenibilità dell'evento: ciò che non viene differenziato dal non verrà ovviamente differenziato dagli operatori ecologici ella fase di ritiro, per cui il rischio è quello di non poter valorizzare gran parte delle 17 mila tonnellate dei rifiuti previste durante i sei mesi dell'Esposizione Universale.

Compostabile sì compostabile no

Anche sul fronte della ristorazione non mancano delle criticità.

Alcune aree di ristorazione hanno accolto le linee tracciate dalla guida: “Riduzione del packaging per prevenire la produzione dei rifiuti, privilegiare materiali lavabili, invece dell'usa e getta. Se sono predisposte stoviglie usa e getta, devono essere biodegrabili e compostabili”. Eataly ad esempio ha scelto il Mater-Bi®, la bioplastica biodegradabile e compostabile prodotta da Novamont. Altri invece non hanno accolto i suggerimenti. Soprattutto gli stand di street food e quelli allestiti per la vendita di dolci o crepes, hanno deciso di utilizzare le tradizionali stoviglie in plastica che, una volta macchiate con creme al cioccolato o altro, non possono essere conferite nel cestino della plastica perché sporchi.

L'ultima osservazione, per il momento, su dove buttare i mozziconi delle sigarette. Se è vero che secondo le regole dell'Expo è consentito fumare solamente nelle aree riservate, è anche vero che i visitatori “preferiscono” fumare passeggiando tra i diversi padiglioni e gettare, proprio come consuetudine (scorretta) in città, il mozzicone a terra o accanto ai cestini della differenziata. 

Fonte: ecodallecittà

di Angela Conversano
Domenica 3 maggio è stata l'occasione per un'altra visita ad Expo 2015, dopo la prima del giorno inaugurale. L'attenzione è rivolta sempre alla gestione dei rifiuti all'interno dell'esposizione universale, con un occhio particolare a due aspetti: il primo riguarda il conferimento dei rifiuti da parte dei visitatori, alla luce dell'allestimento per la raccolta differenziata predisposto da Amsa; il secondo riguarda invece come i ristoratori abbiano accolto la proposta contenuta nell'allegato Food & Beverage guide – Expo 2015, di prediligere stoviglie riutilizzabili o, se usa e getta,  che siano cioè biodegrabili e compostabili (secondo la norma europea 13432).

Per ciò che riguarda la raccolta differenziata, l'impressione iniziale, confermata poi nel corso della giornata, è che qualcosa non funzioni come dovrebbe. Già dalle prime ore del mattino molti cestini per la raccolta della carta, dell'organico, della plastica e dei metalli – tra questi manca il vetro - contengono materiali sbagliati: ad esempio nell'organico si trova parecchia plastica, mentre tra la carta normale si trova molta carta compostabile. Percorrendo il decumano e passando in rassegna diversi padiglioni, dall'ingresso fino alla fine, la scena non cambia.

Sicuramente tra i visitatori c'è un po' di confusione e poca conoscenza dei materiali, ma anche scarsa attenzione. Gli imballaggi in carta e plastica compostabili, per quanto simili a quelli “tradizionali”, recano tutti delle scritte ben evidenti circa la loro compostabilità. Il posto giusto dove conferirli è quindi il cestino dell'organico. Va anche detto, però, che i cestini sono collocati secondo ordini differenti a seconda dei padiglioni e delle zone: se in alcuni l'ordine è “Carta-Organico-Plastica”, in altri è “Organico-Carta-Plastica”. Questa cosa può trarre in inganno qualcuno.

Alla luce di tutto questo, è chiaro che una migliore e più diffusa comunicazione sul corretto conferimento dei rifiuti da parte di visitatori è più che auspicabile. Ne va dell'effettiva eco sostenibilità dell'evento: ciò che non viene differenziato dal non verrà ovviamente differenziato dagli operatori ecologici ella fase di ritiro, per cui il rischio è quello di non poter valorizzare gran parte delle 17 mila tonnellate dei rifiuti previste durante i sei mesi dell'Esposizione Universale.

 

Compostabile sì compostabile no

Anche sul fronte della ristorazione non mancano delle criticità.

Alcune aree di ristorazione hanno accolto le linee tracciate dalla guida: “Riduzione del packaging per prevenire la produzione dei rifiuti, privilegiare materiali lavabili, invece dell'usa e getta. Se sono predisposte stoviglie usa e getta, devono essere biodegrabili e compostabili”. Eataly ad esempio ha scelto il Mater-Bi®, la bioplastica biodegradabile e compostabile prodotta da Novamont. Altri invece non hanno accolto i suggerimenti. Soprattutto gli stand di street food e quelli allestiti per la vendita di dolci o crepes, hanno deciso di utilizzare le tradizionali stoviglie in plastica che, una volta macchiate con creme al cioccolato o altro, non possono essere conferite nel cestino della plastica perché sporchi.

L'ultima osservazione, per il momento, su dove buttare i mozziconi delle sigarette. Se è vero che secondo le regole dell'Expo è consentito fumare solamente nelle aree riservate, è anche vero che i visitatori “preferiscono” fumare passeggiando tra i diversi padiglioni e gettare, proprio come consuetudine (scorretta) in città, il mozzicone a terra o accanto ai cestini della differenziata. 

CONDIVIDI

 

 

 

Calendario eventi

<PrecSucc>
Maggio 2015
LuMaMeGiVeSaDo
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Newsletter

Visite: 549

Il mondo ha bisogno di alberi: niente alberi, niente futuro

"Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy"