Attività culturali

La Voce del Gallo - NUMERO ZERO - CASA CIRCONDARIALE DI PAVIA

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

Rallentare quando possiamo Correre quando dobbiamo

Da alcuni mesi stiamo lavorando nella Casa Circondariale di Pavia e Numero Zero, la voce del Gallo, il periodico della Casa è il frutto di questo lavoro. Si tratta di  un’idea collettiva voluta dall’Apolf di Pavia, dal Direttore, dal Comandante, dagli educatori, dalla solerzia di alcuni agenti e dal gruppo di lettura ad alta voce tenuto da Vivere con Lentezza.
E’ genericamente un periodico, in quanto non siamo in grado per ora di determinare con che frequenza usciremo. Il giornale, non giornalino, dà voce a quello che succede nel mondo del carcere, evitando le censure, ma cercando di far conoscere una realtà di cui spesso la gente preferisce non prendere coscienza. E’ un mondo complesso, che richiede attenzione, ma che può migliorare con tanta buona volontà.

Abbiamo scelto di intitolarlo Numero Zero (con votazione in redazione.) per dare il senso di un continuo divenire, dell’evoluzione, dell’accettare l’incertezza. Ci sono delle rubriche fisse (poesia, ricette-di cui faremo un libretto, l’intervista, il dizionario del carcere, gli spettacoli) e temi come le sensazioni che si provano quando si entra o si esce per la prima volta, ma anche il rapporto con la famiglia, con i figli, o grandi temi come l’amnistia. Da un punto di vista organizzativo, nasce da una riunione di redazione e poi con la scrittura che obbligatoriamente parte a mano, per poi concludersi con la stampa, seguendo tutte le tappe dalle origini delle gazzette.

La redazione è composta da dieci persone, un uditore e due della nostra associazione. La particolarità di questo giornale è data dalla partecipazione dei detenuti cosiddetti protetti e di quelli dell’alta sicurezza. Si tratta di un esperimento che pone Numero Zero all’avanguardia. Ci sono anche due detenuti stranieri (un ragazzo albanese e uno della Guinea).

La distribuzione non sarà solo all’interno(una copia per cella), ma verrà inviato a una mailing list molto ampia che prevede, le istituzioni, altre carceri, associazioni, media, e quanti lo richiederanno. La Casa del Giovane di Pavia ci aiuta stampandolo gratuitamente in 500 copie e questo è fondamentale.

(se aprendo i PDF delle edizioni vedete nero, aumentate lo zoom + del PDF   )

EDIZIONE GIUGNO 2012

EDIZIONE OTTOBRE 2011

CFP2012/2013 Sono aperte le iscrizioni

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

 

AUDIZIONE 29 Settembre 2012 e iscrizioni al CFP 2012/13

SALERNO. Sono aperte le iscrizioni al Corso Professionale per attori e danzatori a cura di Altri Orizzonti, la piattaforma di arti contemporanee diretta da Anna Nisivoccia, Claudio Malangone e Antonello De Rosa. Anche quest’anno, ad accogliere i corsi sarà il centro sociale “Cantarella”, nel quartiere Pastena, nell’intento, perseguito da sempre, di accendere la proposta culturale nella zona periferica della città. Le lezioni avranno inizio il 15 Ottobre e si concluderanno il 30 Aprile 2013, con frequenzaIl corso è rivolto ad attori e a danzatori con un minimo di esperienza analitica del movimento che vogliono incontrarsi in uno spazio dove formarsi, studiando quotidianamente e seguendo un preciso programma di lavoro. giornaliera dal lunedì al giovedì per un complessivo di circa 650 ore totali di studio. Il corso è rivolto ad attori, cantanti, musicisti o danzatori con una discreta consapevolezza analitica del corpo il cui interesse sia rivolto alla ricerca contemporanea e alla commistione dei linguaggi. Tre i moduli previsti, ripartiti tra teatro, danza, ed un settore più esteso che riunisce teatro, musica e canto. A guidare gli allievi sarà una rinnovata classe di illustri nomi del settore tra cui: Claudio Paternò, Vahan Badalyan, Eugenio Sideri (per il teatro); Claudio Malangone, Vincenzo Capasso, Susan Kempster, Annalea Antolini, Susanne Linke (per la danza); Rocco Vertuccio e Mariapia Del Giorno (musica e canto). Sono inoltre previste mini - sessioni di programmazione alla realizzazione di eventi, curati dalla docente Maria Teresa Scarpa, nonché  degli incontri di illuminotecnica a cura del docente Francesco Ferrigno. Sabato 29 Settembre 2012 alle ore 9.00, presso l’Auditorium del Centro Sociale “Cantarella” di Salerno, si terrà l’audizione per l’assegnazione della gratuità dell’intero corso CFP 2012/2013. I candidati sosterranno una  prova di Danza ( lezione di danza contemporanea) e una di Recitazione ( 1 monologo a memoria max 1 minuto e mezzo in italiano e a scelta del candidato). I selezionati dovranno seguire obbligatoriamente tutti i corsi.

L’appuntamento è fissato per le ore 9 di Sabato 29 Settembre 2012. L’audizione si svolgerà presso l’Auditorium del Centro Sociale di Salerno. E’ necessario un abbigliamento comodo. Per iscriversi all’audizione i candidati dovranno mandare una e-mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. specificando i propri dati e la motivazione che li spinge a partecipare.

Per chi non rispondesse a tali criteri di modalità di partecipazione all’audizione e volesse partecipare a singoli o più moduli potrà avere maggiori informazioni circa giorni, orari e costi scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonando al numero 328 16 34 514.

Grazie per l’attenzione.

AltriOrizzonti-Piattaforma delle arti contemporanee della Campania.

Pagina Facebook: CFP- Centro di Formazione Professionale per Attori e Danzatori.

L’ufficio stampa Alessandra De Vita

349 8709870

Un poeta profeta e i suoi parassiti

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

di Gian Maria Annovi

Nell'ottobre del 1922, mentre migliaia di fascisti marciano verso Roma, in pochi sospettano che sotto i loro piedi la terra abbia iniziato lentamente a muoversi, allontanandosi - come una scheggia d'isola alla deriva - dal resto dell'Europa, in un progressivo processo d'isolamento e inaridimento sociale e politico, culminato in vent'anni di dittatura e nel secondo conflitto mondiale. La storia è nota. Meno noto è che quello stesso mese, sul primo numero della rivista londinese Criterion, viene pubblicato un testo di poco più di quattrocento versi destinato a rivoluzionare, in ben altro modo, le sorti del panorama culturale europeo e a «indicare una direzione» - scriverà anni dopo Eugenio Montale - anche a molti poeti italiani: si tratta di La terra desolata di T. S. Eliot. Per Montale, che solo tre anni dopo pubblica Ossi di seppia, in tale momento storico proprio Eliot rappresenta, insieme a Valéry, «una presa di contatto con l'alta tradizione europea».

Leggi tutto: Un poeta profeta e i suoi parassiti

San Lorenzo 2012

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

Consigli per vivere felice ...

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

 

 

Leggi tutto: Consigli per vivere felice ...

Notte di San Lorenzo 2012

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

Atti del Convegno SRM - Napoli - 17 luglio 2012

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

Atti del Convegno SRM - Napoli - 17 luglio 2012


Il 17 luglio 2012 a Napoli SRM ha presentato, la ricerca "Un Sud che innova e produce. I settori automotive e aeronautico". L’evento, prendendo spunto dallo studio di SRM che analizza il peso e le caratteristiche delle due filiere nelle regioni del Mezzogiorno (anche in confronto ad una regione del Nord Italia, il Piemonte), si è concentrato in particolare sul settore automotive.

Scarica il volume e i materiali di approfondimento:

SRM Servizi pubblici locali in Italia e riflessioni sul ciclo dei rifiuti

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

Servizi pubblici locali in Italia e riflessioni sul ciclo dei rifiuti


E' disponibile nella sezione Ricerche Monografiche il working paper "Servizi pubblici locali in Italia e riflessioni sul ciclo dei rifiuti", elaborato dal Gruppo di Lavoro sulle public utilities del GEI-Gruppo Economisti di Impresa di cui SRM fa parte.
L’analisi indaga le aree critiche della tematica, mettendo a fuoco l’attuale modello dei servizi pubblici locali, gli aspetti regolatori, economico-finanziari, industriali ed organizzativi del servizio, le dinamiche sociologiche delle popolazioni interessate dagli eventi, un benchmark internazionale.

SRM Quaderni di Economia Sociale 1 - 2012

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

Quaderni di Economia Sociale 1-2012

Scarica il nuovo dossier semestrale dedicato al mondo della solidarietà, del non profit e della partecipazione civica. "Quaderni di Economia Sociale" è realizzato da SRM e Fondazione con il Sud in collaborazione con Banca Prossima, per comprendere e approfondire - anche nella sua valenza economica - l’azione, le difficoltà e le prospettive di chi opera per lo sviluppo sociale, partecipato e culturale di un territorio, quale premessa e stimolo alla crescita socio-economica.

Il progetto Life+ & la Green Economy sulla Costa Picentina

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

Si terrà venerdì 3 agosto 2012 alle h 19,00 presso l’Hotel Gea in Litoranea Magazzeno di Pontecagnano Faiano (SA) l’incontro di sensibilizzazione territoriale intitolato “Il progetto Life+ & la Green Economy” rientrante nell’ambito dell’attività di consapevolezza pubblica e disseminazione del progetto Life+ SUN EAGLE che sta riscuotendo interesse e consenso da parte di Enti, Istituti Scolastici, Associazioni, ecc. su tutto il territorio meridionale.

Il saluto e l’introduzione ai lavori è a cura dei Presidenti delle Associazioni “Costa PicentinaCiro De Sio e dell’Associazione “Il Ponte per il futuroAntonio Mastellone, seguirà l’intervento del Dott. Vincenzo Quagliano Amministratore della QS & Partners e Consulente A.N.C.I. CAMPANIA,

sull’importanza del Progetto Sun Eagle e sul forte valore aggiunto del progetto Life+; toccherà poi al Presidente dell’Associazione Avalon, Michele d’Elia, che tratterà delle opportunità derivanti dalle azioni dell’Unione Europea per lo sviluppo sostenibile del Settore Primario; a seguire il il fondamentale intervento del Gruppo di sensibilizzazione Ambientale “EMERA”, che è costola Green di Avalon, che si occuperà di argomentare circa le opportunità derivanti dalle fonti energetiche alternative per lo sviluppo sostenibile del territorio e della costa; altro contributo verrà proposto dall’intervento del Prof. Antonio Ansalone, libero docente, nonché ideatore e coordinatore del gruppo di studio economico

Econolavoro”, che in qualità anche di membro delle Guardie Ambientali d’Italia, sezione di Salerno, approfondirà le possibilità occupazionali della Green Economy come ambito di sviluppo dei territori e di incremento del lavoro. A chiudere l’intervento tecnico dell’Ing. Giuseppe Fortunato che illustrerà il funzionamento ed i pro ed i contro di un impianto fotovoltaico, a seguire saranno presentate alcune testimonianze di professionisti del settore delle energie rinnovabili. Il progetto “Endorsement Action for Governance of Local Environment” (E.A.G.L.E.) dell’Unione Europea, le tematiche da esso trattate, la rete di partner e i territori coinvolti saranno presentati da Vincenzo Quagliano, amministratore della QS & Partners di Salerno e consulente ANCI Campania per le azioni di supporto tecnico alle politiche energetiche ed ambientali. La struttura capofila del progetto E.A.G.L.E. finanziato dall’U.E. è la Seconda Università di Napoli alla cui attuazione collaborano l’ANCI Campania, il Laboratorio CRAET, la Provincia di Salerno, 17 comunità montane ubicate nelle Regioni Campania, Basilicata, Molise e Puglia, 2 Unioni di Comuni e 161 Comuni.

"I giorni della merla" al festival segreti d'autore

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

Sabato 28 luglio alle ore 21.30 a Serramezzana, nel Cilento, nell’ambito del festival “Segreti d’autore” diretto da Ruggero Cappuccio verrà presentato il film documentario “I giorni della merla” di Andrea D’Ambrosio e Carla del Mese, prodotto da Associazione Leonia, Provincia di Salerno, Legambiente Campania. Il film narra dell’esperienza degli orti urbani e della coltivazione biologica in città. Partendo dall’esperienza degli orti nel Parco Eco-archeologico di Pontecagnano, nati grazie a Legambiente,  il film pone l’accento sulla necessità di un ritorno alla terra, attraverso il confronto tra le varie esperienze degli orti di Pontecagnano, Eboli ed Agropoli e luoghi in cui invece si vive ancora di sussistenza come Valle dell’Angelo nel Cilento profondo. In concorso al festival Cinemambiente di Torino e al San Diego film festival in California il documentario ha girato numerosi festival. Il film seguirà al dibattito e alla presentazione degli “Orti della dieta mediterranea”, nuovo progetto di Legambiente. Interverranno: il Presidente del Parco Nazionale del Cilento,Vallo di Diano e Alburni Amilcare Troiano, il Presidente Legambiente Campania Michele Buonomo, il Presidente Coldiretti  Salerno Pietro Caggiano,  Valerio Calabrese per Guerrilla Gardening e Valentina Del Pizzo per Paestumanità.

“Questo film-dichiarano i registi- mostra come anche in una città cementificata totalmente come Pontecagnano, esistono ancora luoghi di aggregazione e di amore per la natura. Gli orti allontanano gli anziani dalla solitudine e li spingono ad una vita più serena.
L’esperienza del parco archeologico di Pontecagnano ormai è nota a tutti e Legambiente, grazie ai suoi volontari, ha trasformato questo luogo in un villaggio della natura, allontanando le ruspe dei ninfomani del cemento che sono sempre dietro l’angolo. Le numerose attività che si svolgono e la forza del volontariato sono la vera linfa di un luogo che anni fa era una discarica, in un paese che rischia di precipitare ogni giorno nel degrado”.

Campania Burning film

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

Giovedì 26 luglio alle ore 21 nel chiostro del convento dei frati minori di Capaccio (Sa) si terrà la proiezione del film Campania Burning di Andrea D’Ambrosio e Maurizio Cartolano all’interno dell’iniziativa “Dal Mozambico alla Piana del Sele”. Seguirà un dibattito con Francesco Colizzi, consigliere nazionale Aifo (associazione italiana amici di raoul Follerau), Nicoletta Dentico, presidente osservatorio italiano sulla salute globale, Antonio Pecoraro, sceneggiatore del film e compositore, Andrea D’Ambrosio regista. Modera Anna Maria Pisano presidente Aifo.
Il film parla di immigrazione e caporalato nella Piana del Sele. La storia parte dal ghetto ormai sgomberato di San Nicola varco ad Eboli, e racconta la giornata dei braccianti, i soprusi dei caporali, la vita all’interno del campo. Attraverso un confronto tra passato e presente si comprende come siano cambiate le facce ma non i modi e i metodi.
Nel film ci sono gli interventi di Anselmo Botte, sindacalista Cgil, Lorenzo Diana magistrato che racconta invece il fenomeno delle agromafie, della camorra nelle campagne. Prodotto da Simona Banchi e Valerio terenzio Trigona per Gruppo Ambra, con le musiche di Nicola Piovani, il film ha girato numerosi festival, tra cui il festival del cinema africano di Verona.

“E’ il racconto della vergogna, dice Andrea D’Ambrosio, di centinaia di lavoratori che vengono sfruttati senza alcun diritto, alla mercè di caporali senza scrupoli come se il tempo si fosse fermato a 50 anni fa. Ora san nicola varco non esiste più, ma esistono altri ghetti sparsi per tutto il territorio, con centinaia di persone che vivono come fantasmi, ombre della nostra coscienza. Hanno costruito un centro commerciale dove sorgeva il campo perché purtroppo i consumi contano più della solidarietà umana, mentre  il malaffare si insinua nelle campagne con truffe e illeciti che molto spesso nei nostri territori partono dai carciofi e finiscono nei municipi”.

La privatizzazione forzata dei servizi pubblici locali è incostituzionale

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

 

La privatizzazione forzata

dei servizi pubblici locali è incostituzionale


La Corte Costituzionale cancella le norme di Berlusconi e Monti

 

La Corte Costituzionale con sentenza 199/2012 ha dichiarato incostituzionale l’articolo 4 del decreto legge 138 del 13 Agosto 2011 (convertito nella Legge 148/2011) che aggirava il risultato dei referendum contro la privatizzazione dei servizi pubblici locali reintroducendo le norme abrogate (art. 23 bis del Decreto Ronchi).

La bocciatura non riguarda solo le leggi emanate dal morente Governo Berlusconi ma anche tutte le successive modifiche - peggiorative - del Governo Monti che avevano di fatto reso impossibile la gestione diretta delle società pubbliche e forzava la cessione a privati delle società in house e le società partecipate a capitale pubblico.

Questa sentenza è una buona notizia: ripristina il risultato referendario voluto da 27 milioni di italiani e mette un freno alla privatizzazione forzata e alla svendita dei servizi pubblici locali e dei beni comuni (dai rifiuti ai trasporti, dall'acqua all'energia) voluta da Berlusconi ed ulteriormente incentivata dal Governo Monti (dal decreto legge 1/2012, art. 53 Dl 83/2012 anche con l'attuale "spending review".

Una buona notizia anche per le decine di migliaia di lavoratori delle società pubbliche e in house che vedono, con la svendita delle loro aziende, i loro posti di lavoro e i loro diritti a rischio; una buona notizia per i cittadini per un servizio pubblico che deve essere di qualità e senza profitti privati.

Rimangono però in vigore le norme europee che prevedono diverse forme di gestione: in house, miste, o la società per azioni private, come rimangono diverse normative "privatizzanti" di settore, gli incentivi agli enti locali per procedere alla svendita delle società (nel Patto di stabilità vi sono premialità nei trasferimenti statali agli enti locali per favorire le dismissioni) e vari vincoli per la gestione diretta delle società (limiti per le assunzioni).

La pronuncia della Corte Costituzionale deve essere motivo di rilancio delle mobilitazioni contro le politiche di privatizzazione portate avanti non solo dal governo nazionale ma, con convinzione, anche dalle amministrazioni locali di centro destra e di centro sinistra.

Ora, non potendosi più nascondere dietro l’obbligatorietà dettata della legge nazionale, i governi locali devono azzerare i processi di svendita e di privatizzazione delle aziende pubbliche e in house rispettando il diritto dei cittadini ai beni comuni.

PLAYSUMMER EDIZIONE 2012

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

Playsummer Edizione 2012

Inaugurazione sabato 21 luglio ore 20:00 presso Area Via Toscana - Pontecagnano Faiano (SA)

 

Continua a leggere per il programma completo dell'evento

 

Leggi tutto: PLAYSUMMER EDIZIONE 2012

GHB: IL PRIMO AUTENTICO ANTIDEPRESSIVO

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

di Claude Rifat

Il GHB è stato scoperto da un mio amico (il defunto dottor Henri Laborit) nel 1961 in Francia.

Il GHB è una molecola notevole perché può sopprimere ideazioni depressive e ansietà, a volte in meno di 30 minuti. Sembra anche essere immediatamente attivo sulle forme più gravi e resistenti ai trattamenti della depressione. A causa di tali notevoli proprietà scherzosamente veniva chiamato "Or Potable", che significa "oro potabile" in francese! In effetti, una molecola che può bloccare depressione, idee suicide, ansia, ecc, in modo così efficiente è prezioso come l'oro, perché può salvare la vita. Il GHB ha salvato la mia stesaa vita in molte situazioni in cui tutti gli altri antidepressivi avevano fallito. Per anni ho sofferto di episodi depressivi che non reagivano ai convenzionali "antidepressivi". Perché? Poiché, infatti, la maggior parte degli antidepressivi (un antidepressivo è anche denominato timoanalettico, ovvero una molecola che stimola umore) non sono realmente "antidepressivi" in se stessi ma timoanestetici. Un timoanestetico è una molecola che anestetizza le emozioni e che ottunde così i sentimenti. Per esempio, se si danno degli "antidepressivi" a due amanti, si noterà che i loro sentimenti d'amore verso l'un l'altro diventano anestetizzati, smussati. Chiaramente, una molecola che ottunde le emozioni gratificanti non è sicuramente un antidepressivo autentico, ma piuttosto una "xylocaina mentale" (la xylocaina è un anestetizzante). Un timoanestetico toglie una parte della tua personalità e ti rende un po' simile alle persone che soffrono di schizofrenia negativa. Al contrario, se si somministra gamma-idrossibutirrato ad una coppia di amanti si noterà che esso aumenterà i loro sentimenti d'amore, perché stimola la socialità.

continua a leggere

 

Leggi tutto: GHB: IL PRIMO AUTENTICO ANTIDEPRESSIVO

Fiori Neri, "A Mere formality"

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

La Cutre Production è lieta di invitarvi alla tanto attesa premiere pubblica dell'Episodio 0 di Fiori Neri, "A Mere formality".

"Fiori Neri" è la web serie Horror Crime ideata da Paolo Battista e Roberto Di Gregorio e realizzata dalla Cutre Production.

In sala il cast e tanti graditi ospiti.

Interventi di:

Alfonso Amendola, docente di Sociologia degli Audiovisivi sperimentali, Università Degli Studi di Salerno

Bruno Brindisi, fumettista e disegnatore di Dylan Dog.

Contributo video di Sergio Brancato.

Vi aspettiamo numerosi presso lo Space 1.0 del MARTE Mediateca Arte Eventi alle ore 20.30. A seguire, concerto in terrazza con il Walter Ricci trio.

Ingresso libero.

FONTE: Facebook


Varati 134 indicatori per misurare il benessere della società italiana

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

Sono 134 i nuovi indicatori che Istat e Cnel utilizzeranno per rappresentare le 12 dimensioni del benessere equo e sostenibile del nostro Paese e per fornire un quadro dettagliato delle condizioni di vita in Italia.
Obiettivo del percorso intrapreso dai due istituti per l'elaborazione di questi indici è quello di offrire un'immagine della nostra società sempre più corretta, precisa e aderente alla realtà.

Negli ultimi anni il dibattito sulla capacità del prodotto interno lordo (Pil) di riprodurre questa immagine è stato vivace. Il Pil, infatti, quale misura quantitativa della produzione realizzata dal sistema economico, non offre una visione complessiva del progresso di una società.
L'analisi deve essere, dunque, integrata con altri indicatori dei fenomeni che influenzano la condizione dei cittadini, quali: ambiente, salute, benessere economico, istruzione e formazione, lavoro e conciliazione dei tempi di vita, relazioni sociali, sicurezza, benessere soggettivo, paesaggio e patrimonio culturale, ricerca e innovazione, qualità dei servizi, politica e istituzioni.
Sono appunto queste le 12 dimensioni elaborate nell'ambito del progetto di Cnel e Istat per la misurazione del benessere equo e sostenibile. Ciascuna dimensione è stata declinata in una serie di indicatori atti a fornire informazioni dettagliate sulla qualità della vita delle persone, complessive di tutti gli ambiti in cui un cittadino si trova ad agire.

Il progetto ha visto anche la realizzazione di un sito internet, www.misuredelbenessere.it, che offre una descrizione chiara e specifica delle singole dimensioni e dei relativi indicatori, consentendo a cittadini, istituzioni, centri di ricerca, associazioni, imprese di contribuire a definire “che cosa conta davvero per l'Italia”.

I nuovi indicatori sono poi il frutto del lavoro di un Comitato di indirizzo sulla misura del progresso della società italiana, costituito nel dicembre 2010, in cui l'Istat ha svolto il ruolo di coordinamento scientifico, mentre il Cnel ha rappresentato il punto di riferimento fondamentale per la sintesi delle diverse istanze della società.
Il Comitato è composto da rappresentanze delle parti sociali e della società civile: non solo, quindi, organizzazioni sindacali e associazioni di categoria, ma anche associazioni di volontariato, associazionismo femminile, associazioni ambientaliste, che per la prima volta hanno lavorato insieme per l'individuazione del set di indicatori fondamentali per misurare il benessere. L'obiettivo del Comitato, in analogia a quanto sta avvenendo in altri paesi, è stato quello di sviluppare un approccio multidimensionale e condiviso basato sul concetto di "benessere equo e sostenibile" (Bes), ovvero un nuovo modo per leggere la realtà affiancando alle misure economiche una serie di indicatori non economici fondamentale anche nella progettazione delle politiche pubbliche.

Il primo Rapporto sul benessere in Italia che terrà conto dei 134 nuovi indicatori sarà presentato da Istat e Cnel nel mese di dicembre.

Fonte: csvnet

GREEN MOVIE FILM FEST

Categoria principale: Temi Categoria: Attività culturali

Rassegna di cinema ambientale

GREEN MOVIE FILM FEST

Il cinema racconta l'ambiente e il sociale
Roma dal 4 al 6 luglio 2012
Casa del Cinema - Largo Mastroianni, 1
Ingresso libero

Roma, 20 giugno 2012
Dal 4 al 6 luglio, a Roma presso la Casa del Cinema, avrà luogo la prima edizione del Green Movie Film Fest. Tre serate per raccontare l'incontro tra il cinema, l'ambiente e il sociale, proponendo i valori della sostenibilità. La programmazione prevede alcune delle più interessanti opere di settore che si sono affermate di recente, in prestigiosi Festival nazionali ed internazionali.
Serata di apertura, mercoledì 4 luglio, con la proiezione di Fireworks, diretto da Giacomo Abbruzzese, cortometraggio selezionato nella cinquina dei finalisti per i Nastri d'argento 2012 che racconta l'impresa di un gruppo ecologista internazionale che decide di far saltare in aria a Taranto la più grande ed inquinante industria siderurgica europea; l'opening night continua con il docu-film If a tree falls: a story of the Earth Liberation Front, del regista americano Marshall Curry, opera già premiata al Sundance film festival 2011 e candidata agli Oscar 2012 come miglior documentario, che ripercorre la storia dell'ELF (Earth Liberation Front), un movimento di protesta per la salvaguardia dell'ambiente, nato negli Stati Uniti nel 1977 e accusato di eco-terrorismo.
Ancora un ricco programma quello previsto per giovedì 5 luglio che inizierà con la proiezione di The Well, Water Voices from Ethiopia, per la regia di Paolo Barberi e Riccardo Russo, che ha ricevuto la Menzione Speciale Legambiente al Festival Cinemambiente 2012 di Torino. Il documentario segue le vicende quotidiane della comunità dei pastori Borana, nel sud dell'Etiopia, mostrando le straordinarie capacità di questa popolazione nel mantenere il delicato equilibrio tra uomo e natura, gestendo l'acqua come bene di tutti in una delle regioni più aride della terra abitata. A seguire Scorie in libertà, scritto e diretto da Gianfranco Pannone, un "film-diario", prodotto da Effetto Notte, in associazione con Blue Film e First Life, in cui il regista racconta la storia del nucleare a Latina.
La rassegna, con la direzione artistica di Marino Midena, chiuderà venerdì 6 luglio con tre opere di grande interesse: Thalassa, regia di Gianluca Agati, un breve documentario sulla crisi della pesca tradizionale e sulle sue conseguenze, legate allo sviluppo industriale ed all'escalation tecnologica applicata alla pesca, attraverso le testimonianze dei pescatori siracusani; a seguire I morti di Alos, diretto da Daniele Atzeni, selezionato all'International Short Film Festival di Clermont-Ferrand, un mockumentary che racconta, attraverso la voce dell'unico sopravvissuto Antonio Gairo, le vicende di un paese immaginario, Alos, i cui abitanti, sul finire degli anni '50, incontrano il loro fatale destino. A conclusione della serata, il lungometraggio La misura del confine, di Andrea Papini, una sorta di "giallo ambientalista" girato quasi unicamente in un rifugio fra le nevi alpine del Monte Rosa.
Il GMFF, promosso da Pentapolis, "nasce per sensibilizzare il largo pubblico - afferma il presidente Massimiliano Pontillo - sui temi ambientali e per coinvolgere la filiera produttiva, tra filmakers, produttori e distributori, in pratiche a impatto zero. In tal senso, stiamo attivando accordi programmatici con i maggiori players del settore".
La rassegna è gemellata con il Fringe Festival di Roma (teatro) e il Glocal Sounds di Torino (musica), per la diffusione della sostenibilità nelle diverse manifestazioni artistiche.

Ufficio stampa
L'AURORA - Compagnia della Sostenibilità: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. '; document.write(''); document.write(addy_text78163); document.write('<\/a>'); //-->\n Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. +39.06.45541216
Dalila Pucciarelli +39 3456356220
Elisabetta Colla: +39 333.2736455

Pentapolis: è un'associazione di persone e imprese, pubbliche e private, che diffonde la responsabilità sociale e lo sviluppo sostenibile. Vuole contribuire alla tutela dell'ambiente perseguendo stili di vita sostenibili, favorire la coesione sociale per la creazione di un benessere collettivo, incentivare le aziende alla cooperazione, al coinvolgimento e al rispetto del territorio e degli stakeholder. Promuove eventi, progetti ed iniziative culturali svolgendo, inoltre, attività di ricerca e informazione. Cinque le sue aree di intervento: ambiente, cultura, lavoro, salute e solidarietà.

GREEN MOVIE FILM FEST
Programma.

Mercoledì 4 luglio
h 20.00 - Presentazione
h 21.30 - Fireworks, regia di Giacomo Abbruzzese (IT, 21') - If a tree falls, regia di Marshall Curry (USA, 85')

Giovedì 5 luglio
h 21.30 - The Well, Water Voices from Ethiopia, regia di Paolo Barberi e Riccardo Russo (IT, 53') - Scorie in libertà, regia di Gianfranco Pannone (IT, 73')

Venerdì 6 luglio
h 21.30 - Thalassa, regia di Gianluca Agati (IT, 29') - I morti di Alos, regia di Daniele Atzeni (IT, 31') - La misura del confine, regia di Andrea Papini (IT, 79')

Tutte le proiezioni sono gratuite fino ad esaurimento posti.

Fonte: wandamontanelli

Il mondo ha bisogno di alberi: niente alberi, niente futuro

"Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy"